Sulla “scandalosa” nomina di Valeria Fedeli

L’ultima grande sciocca polemica rivelatrice della profonda ignoranza politica dell’elettore medio riguarda ora i titoli di studio della ministra dell’istruzione. Senza entrare sui motivi reali della polemica e sulla sua reale consistenza, mi interessa di più il successo che sta suscitando. Il ragionamento è semplice: chi non ha adeguati titoli di studio non dovrebbe fare il/la ministro/a. Facile, no? E sarebbe altrettanto facile ricordare che Benedetto Croce e Franco Maria Malfatti ricoprirono lo stesso ruolo della Fedeli senza essersi mai laureati, ma così scadremmo nel formalismo e in una sorta di giustificazionismo per diritto consuetudinario. La questione è più seria. Quando si parla di politica il titolo di studio è relativo. In particolare da chi viene posto a capo di un ministero deve essere pretesa non necessariamente una gran competenza tecnica (per quella ci sono già altre persone), ma una notevole capacità di direzione politica, una cosa che non si impara neppure frequentando scienze politiche. In altre parole la capacità di direzione politica è l’abilità di saper usare le risorse che si hanno a disposizione per far funzionare meglio il ramo dell’apparato statale a cui si è preposti dirigendolo verso un chiaro fine politico. Pertanto certe polemiche di questi giorni sono o fuori luogo o l’ennesimo segnale di un pericoloso analfabetismo politico di massa.
Chiariamo meglio con qualche caso illustre. Enzo Biagi fu un grande giornalista e lo sapeva, ma era il primo ad ammettere che non era minimamente capace di fare il direttore di quotidiani. Certo non gli mancavano le competenze giornalistiche, certo conosceva i giornali e le sue dinamiche interne, ma non era capace di guidare una redazione. Ci provò una volta sola col “Resto del Carlino” nel 1970 e gettò la spugna dopo un anno. Con lo Stato è la stessa cosa: puoi essere uno stimatissimo medico primario e non essere capace di fare bene il ministro della sanità. Zhou Enlai pare conoscesse 16 lingue e di certo benissimo l’inglese (lo conferma Kissinger), ma da ministro degli esteri e da primo ministro cinese fece sempre ricorso ai traduttori.
Giudicare preventivamente la qualità dei ministri sfogliando un curriculum come fanno i padroni quando devono assumere un quadro aziendale è un’aberrazione o un’ingenuità degna dei qualunquisti storici che teorizzavano lo “Stato amministrativo” o degli zelanti difensori della superiorità dei governi “amministrativi” o “tecnici” che dimenticano sempre che questi ultimi sono sempre esecutivi politici. E anche qui sarebbe facile ricordare che la tecnicamente espertissima prof.ssa Elsa Fornero non è certo ricordata come un’ottima ministra del lavoro e delle politiche sociali.
La ministra Fedeli non gode della mia fiducia non perché non ha mai fatto l’Università, ma perché è tutto il governo Gentiloni che penso non abbia la capacità, la lucidità e la voglia di pilotare la macchina statale verso i bisogni delle masse. Allo stesso tempo e analogamente non ho fiducia nei politici che esprime il M5s non perché siano di bassa o mediocre scolarità, ma perché non capendo un’acca di politica non fanno granché per rimediare alle loro lacune e confusioni e ciononostante pretendono con ansia totalitaria tutto il potere per sé escludendo tutti quelli che non la pensano come loro.
In politica si può essere grandi con poco e si può essere piccoli con molto. Quello che fa la differenza sono una serie di doti che non si possono né apprendere su un manuale né improvvisare. A volte persino non basta una vita in politica per sviluppare doti come la sagacia e la chiaroveggenza.
Se fosse mera questione di tecnica, tanto varrebbe stabilire che certi ruoli vadano non a chi ha la laurea, ma solo a chi esce dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione!
Preferirei che rimanessimo il paese che ha dimostrato che in politica si può essere dei giganti al servizio dei lavoratori come il bracciante Giuseppe Di Vittorio, il cui unico diploma scolastico fu quello della terza elementare preso da adolescente alla scuola serale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...