D’Alema: Monti non si candidi e attenda, verrà richiamato

Per il presidente del Copasir il Professore però «deve chiarire al più presto». Sì ai centristi, no agli arancioni di De Magistris e Ingroia. Vendola? Vale solo il 5%

Ampia intervista a Massimo D’Alema sul Corriere della Sera oggi in edicola. A tenere banco è soprattutto il destino politico di Mario Monti, dopo i fatti di Bruxelles. Per l’ex presidente dei Ds alle elezioni di febbraio «Monti non si deve candidare».
Nella visione di D’Alema, Monti non può essere una personalità che si fa «bandiera» di questo o quel polo politico, pena far venir meno «la coerenza con il ruolo che gli è stato assegnato e che ha svolto fin qui con grande correttezza risultando utile al Paese per evitare la bancarotta e per ridare all’Italia un’immagine internazionale». Se poi in particolare Monti diventasse il leader del centrodestra Pdl-Lega-Udc, il rischio, per il vecchio esponente del Pd, sarebbe quello di trasformare le prossime elezioni in uno scontro vecchia maniera conservatori vs. progressisti e «ciò aprirebbe – argomenta D’Alema – una contrapposizione che favorirebbe anche nel nostro campo le posizioni più radicali», cioè sposterebbe più a sinistra tutta l’area dell’ex Unione. Quindi per l’ex premier «sarebbe meglio se Monti preservasse la sua figura di super partes al servizio della Repubblica e la conservasse anche per il futuro prossimo». Meglio dunque stare in panchina qualche mese aspettando di diventare un superministro a marzo o addirittura presidente della Repubblica a maggio? Su questo D’Alema glissa: a Monti «non gli chiediamo di tornare all’università Bocconi». Subito dopo D’Alema si fa più spavaldo e quasi minaccioso quando ricorda che «siamo nelle condizioni di vincere comunque le elezioni, non abbiamo paura di confrontarci» e che «sarebbe illogico e in qualche modo moralmente discutibile che il Professore scenda in campo contro la principale forza politica che lo ha voluto e lo ha sostenuto nell’opera di risanamento». Tuttavia «non si può più andare avanti con questa incertezza sul suo futuro: è meglio che chiarisca al più presto».
Passando a questioni tutte interne al centrosinistra, D’Alema rassicura che nella coalizione guidata da Bersani il Pd è solitariamente e saldamente egemonico, quindi inutile preoccuparsi di Vendola il Rosso: «Vendola – spiega D’Alema – non va usato come uno spauracchio. Stando ai più recenti sondaggi, il Pd sta al 32 per cento e loro al 5. Ogni decisione verrà presa a maggioranza e abbiamo scelto insieme che conterà il peso elettorale». Quindi ammonisce il piccolo alleato di sinistra dal non sparare più sul governo facendo notare al presidente di Sel che «attaccare a testa bassa» Monti «significa fare una campagna elettorale contro il Pd che è il suo alleato. Questo non è ragionevole. Noi non siamo contro Monti, ma vogliamo andare oltre questa esperienza, puntando su giustizia sociale e crescita».
Irrilevanti per D’Alema anche le contrarietà di Vendola alle aperture al centro. E a scanso di equivoci ribadisce che «anche se dovessimo essere autosufficienti nelle due Camere apriremmo comunque un dialogo con i centristi». Di contro porte sbarrate al Movimento Arancione di Luigi De Magistris e Antonio Ingroia nato due giorni fa: «Faccio solo notare – liquida D’Alema – che la loro prima mossa è stata attaccare il Quirinale…».
Tornando alle primarie, col senno di poi il presidente del Copasir ammette di essere stato «perplesso, ma ammetto che ha avuto ragione Bersani». E quindi ora via libera alle primarie sui parlamentari di fine mese perché dato il porcellum «è giusto che i candidati vengano scelti dal basso». E sullo sfortunato Renzi non ci vedrebbe «nulla di male se entrasse in un futuro governo». In ogni caso D’Alema rinuncerà al suo scranno parlamentare, ma resta a disposizione per qualunque incarico prossimo futuro: «Se arriverà valuterò la chiamata…».

Per Lavika Web Magazine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...