Monti ai deputati: Ho sempre lavorato per la crescita dell’Italia

Il premier esalta l’opera del suo governo
e rivendica di non avere mai pensato solo al bilancio

Il presidente del Consiglio Mario Monti è intervenuto stamattina alla Camera per informare i deputati ufficialmente su quanto fatto dal governo nel vertice informale dei Capi di Stato e di governo dell’Unione europea svoltosi a Bruxelles il 23 maggio scorso. In verità si è trattata di una rapida apologia dell’operato del governo a poco più di 200 giorni dal suo insediamento.
A seguire c’erano le votazioni sul ddl anticorruzione sul quale il governo ha posto la fiducia e quindi Monti aveva tutto l’interesse per rassicurare la sua maggioranza che la scelta politica fatta a novembre di affidare l’esecutivo a questi tecnici è stata una scelta saggia.
In apertura del suo discorso, Monti ha posto l’attenzione su quanto l’Europa e il mondo siano in una fase di continua consultazione per trovare il bandolo della matassa alla stagione di crisi economica apertasi nel 2008. «Il Governo italiano – ha spiegato Monti – sta cercando, con l’appoggio e il retroterra importantissimo del Parlamento italiano, di essere protagonista non solo nelle riunioni dei vertici, ma nella fase di costruzione del consenso». Per cui Monti nei prossimi giorni vedrà i suoi omologhi di Francia, Germania e Spagna oltre a sentirsi spesso con Obama in modo da arrivare con le idee chiare senza rischi di veti all’appuntamento del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno e prima ancora al G20 messicano del 18-19 giugno.
Qui Monti ha riportato la discussione sul fronte interno. Per il premier la situazione italiana è oggi «adeguatamente rafforzata rispetto a quella di qualche mese fa» e cita a sostegno delle sue argomentazioni quanto è stato riportato dal Financial Times di oggi: 1) «un disavanzo pubblico molto più basso di quello della Spagna ma anche di altri Paesi»; 2) «un debito del settore privato più basso di altri Paesi, e un risparmio privato maggiore degli altri Paesi»; 3) «banche in larga prevalenza molto stabili che non hanno indulto nel finanziare la speculazione immobiliare»; 4) «un tasso di disoccupazione più basso di tanti altri Paesi europei».
Il problema per Monti è però quella che ha chiamato «l’ansia di crescita» e qui il presidente del Consiglio si addentra in una polemica con chi vorrebbe che «sul piano della finanza pubblica potremmo ben chiudere una fase 1 disciplina del bilancio e aprire una fase 2 crescita». Per Monti questa distinzione nell’azione del suo governo non è mai esistita. Semplicemente «la disciplina di bilancio dovrà essere una nostra compagna di viaggio alla quale ci abitueremo sempre di più e che non è necessariamente foriera di recessione o di depressione se è accompagnata sul piano europeo e italiano da altre politiche appropriate», e comunque il governo lavora da sempre per la crescita e per i prossimi giorni ha promesso «un altro piccolo concentrato di misure» per lo stesso scopo. Da non dimenticare poi, ha argomentato il premier, che il suo è il governo che ha creato ad hoc «per la prima volta un Ministro per lo sviluppo economico e per le infrastrutture e i trasporti».
Ripensando ai 200 giorni di governo alle spalle, Monti si è infine vantato di aver evitato il commissariamento dell’Italia da parte della cosiddetta troika (Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e  Commissione europea): «abbiamo preferito che il Paese cercasse di fare da sé», ha spiegato Monti, ribadendo la logica che per l’Italia non ci sarà crescita e tranquillità nei mercati finanziari se non si terranno in ordine i conti in ordine in Italia e insieme l’Europa delibererà delle misure per la crescita. In pratica, ha concluso Monti, «se verranno misure per una maggiore crescita, allora gli stessi mercati finanziari riterranno più sostenibile la finanza pubblica italiana, pagheremo uno spread inferiore, i tassi di interesse scenderanno e le imprese saranno più facilitate anziché penalizzate negli investimenti».

Per Lavika Web Magazine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...