Abruzzo

Abruzzo

Sinistra dimezzata, Italia dei Valori raddoppiata. L’Idv però saccheggia soprattutto nel Pd, mentre la sinistra perde a favore dell’astensione che infatti schizza al 47% (-30% di voti validi complessivi in meno).

Nello schema sopra vengono calcolate perdite (in rosso) e guadagni (in nero) rispetto ai voti assoluti delle regionali 2008. In coda c’è poi un riassunto globale per area ideologica: per destra si intende l’area che va dall’Udc a Forza Nuova, per sinistra quella dall’Udeur al Pcl.

Così emerge che rispetto alle regionali 2005 sono venuti meno 191.081 voti validi in meno, però l’area di destra ne perde solo 11.786, mentre l’area di sinistra perde la bellezza di 180.532 voti. Da notare che all’interno della sinistra a soffrire di più sono proprio i comunisti (Prc, Pdci, Pcl), con una perdita media del 59%, cioè tanto quanto quello che perde il Pd. Invece Verdi e Sd hanno una flessione di appena il 18%.

I circa 64mila voti guadagnati dall’Idv rispetto a 3 anni non bastano a spiegare i 153mila in meno del Pd (anche considerando i 7.507 voti di Democratici per l’Abruzzo) e i 35mila dell’ex arcobaleno. Se ne può dedurre che chi un tempo votava a sinistra in Abruzzo ed è oggi deluso o critico verso democratici e comunisti o si è consolato premiando l’opposizione intransigente dipietrista, oppure è rimasto a casa.

A mio parere è verosimile che il comportamento politico abruzzese sia verosimilmente identico a quello della media nazionale, essendoci già dei precedenti in merito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...