Luglio col bene che ti voglio…

Chianciano2009

Alla fine luglio non è passato invano. Ha iniziato Sd facendo un congresso che ha sancito che dopo un anno di vita hanno ancora voglia di vivere come movimento (non avedo le forze neppure di un partito piccolo) e con l’ambizione di far diventare tutta la sinistra come Sd e legarsi al Pd per “un centrosinistra di nuovo conio”, come ha detto Fava.

Poi è stata la volta del Ps che fu per Boselli premier e ora è ha Riccardo Nencini segretario. Questo Ps rilancia con aria ringiovanita e ripulita i soliti vizi del riformismo italico: una politica di immagine, grandi convegni, tavole rotonde, ammiccamenti tanto alla sinistra che all’Udc (sic!) tenendo «una linea politica ‘mediana’ nell’opposizione al Governo: separando la sinistra riformista dall’Italia dei Valori, aprendo un confronto con l’Udc e mantenendo un rapporto di dialogo con il Partito Democratico». Obbiettivo raddoppiare i voti e arrivare al 2%.

Verdi e Pdci hanno fatto i congressi in contemporanea, ma quello che ho seguito con più piacere è stato quello degli ambientalisti. Questi infatti hanno dato vita non a una Assemblea rissa, come hanno scritto superficialmente i media, ma a un’Assemblea sfogatoio, dove ogni delegato ha potuto dire cosa gli piace e non gli piace del proprio partito. Su tutto aleggiava la spaccatura tra i filo-Pecoraro e i Pecoraro-mai-più, con la sconfitta di questi ultimi. In ogni caso si è trattato dell’unico congresso che ha stabilito di rifarne un altro nell’estate 2009, dopo le europee. Fino ad allora il portavoce (non più presidente, come ai vecchi tempi!) Grazia Francescato ha il compito di rimettere in sesto la struttura e guardarsi intorno per capire come eleggere degli europarlamentari e dimostrare di esistere. Di certo il furore con cui i delegati prendevano la parola nell’assemblea verde dimostra che hanno un corpo del partito più ampio e più attento di quel che si immagina, ma molto eterogeneo. In nome dell’ecologia, nel partito sono confluite persone con visioni spesso inconciliabili, tanto che c’è chi ancora non accetta che il partito i sia ritrovato alleato dei comunisti e chi invece la stessa cosa l’ha vista di buon occhio.

Sul congresso del Pdci inutile segnalare le note positive perché sarei troppo di parte. Di negativo c’è da segnalare l’atteggiamento dei delegati della mozione Bellillo che a parole negano la voglia di scissione, ma poi decidono di vivere nel partito da separati in casa optando per non entrare negli organismi dirigenti nazionali e di andare al congresso del Prc a tifare Vendola come associazione “Per la sinistra”. Poco saggio.

Infine il grande congresso di Rifondazione. Grande non solo per la partecipazione (intorno al 50%, nel Pdci si è fermato al 13%), ma anche per la passione politica messa in campo per quattro giorni. Com’è noto si sono registrate le prevedibili asprezze tra la corrente bertinottiana e l’altra metà del partito, ma non sono d’accordo con chi vi ha visto il bis della violenza del congresso precedente del 2005. A venezia tre anni fa ci fu una corrente maggioritaria che col suo 59%, forse gonfiato, decise di trattare chi era contro come feccia, con tanto di segretario che invitava l’allora Ernesto a confluire nel Pdci, se proprio si sentivano a disagio nel Prc. Stavolta invece la nuova maggioranza creatasi con la defenestrazione di Giordano, ha sempre teso una mano alla mozione Vendola, vedendosela sempre respinta con fastidio, sufficienza, con, cioè, l’arroganza di Venezia che neanche una sconfitta come quella di aprile è riuscita evidentemente a calmare. Bertinotti e soci hanno voluto la conta a mozioni e alla fine si sono fermati a un 47% che vuol dire tanto e non vuol dire niente. Il progetto originario dei vendoliani di prendere il Prc e scioglierlo in un partito di sinistra più grande tanto tifato da Sd come dal Pd (vedi per esempio le dichiarazioni di Cofferati o La Torre), viene tatticamente smussato durante il congresso facendo infuriare Fava, ma il 53% del congresso non ci casca, si compatta e trova una sintesi capolavoro che il buon Ferrero sono convinto saprà applicare con la maestria, la pazienza e la bontà di chi è comunista e valdese.

Davanti a tale esito è uscito il peggio dalle parole di Vendola, Bertinotti e Migliore. Vendola ha addirittura osato dire che il Prc del Sud Italia è superiore qualitativamente di quello del Nord (guardacaso Vendola ha vinto praticamente solo nei congressi del Sud) e che a lui non gliene frega niente di perdere perché da comunista è abituato a fare il perdente. Siamo a livello della volpe e l’uva. Segue poi l’accusa che il Prc è morto, che questa nuova maggioranza fa schifo che non resta che preservare la parte “sana” come corrente “Rifondazione per la sinistra”, intesa ovviamente come costituente. La scissione è rinviata perché sperano in un anno di ribaltare tutto, ma mi pare velleitario.

Comunque la si pensi, il comportamento dei bertinottiani irriducibili non fa onore a dei comunisti che solo perché sconfitti rinfacciano ai vincenti tutte le peggiori nefandezze e si rifiutano di distendere gli animi per amore di partito. Siamo di nuovo ai separati in casa. Come si può pensare di costruire una società di eguali se si ragiona con la categoria del Grillo (nel senso del marchese) “io so io e tu non sei un cazzo”, verso i propri compagni di partito?

Si chiude così il Prc che nel 1998 aveva messo in minoranza il futuro Pdci in nome del massimalismo socialista di Bertinotti, e si ritorna a una forza comunista con l’ambizione di risolvere i guai della sinistra alla radice, di risolvere cioè quel nodo sociale senza il quale i comunisti non hanno senso, se non a chiacchiere, perché altrimenti di fatto imboccano la strada politica del Ps.

Intanto la stampa e il Pd reagiscono scomposti e fanno a gara per consolare Vendola. Mi sembra un buon segno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...