Il Pd visto da Luigi Berlinguer

Luigi Berlinguer

Anche Luigi Berlinguer (non Giovanni, eh!) si è dichiarato favorevole al Partito Democratico prossimo venturo. Il tutto è finito nero su bianco su un enorme articolo su l’Unità, dove più che la razionalità dell’accademico, emerge il riciclaggio di vecchie parole d’ordine opportunistiche e idee veltroniane. Il finale è significativo: «responsabilità, responsabilità, responsabilità». Al bando nostalgie e indugi, chissenefrega se il Pd sarà o non sarà nel Pse, qui il momento è storico: si fa  il partito che rivoluzionerà la politica italiana, che attuerà l’art. 3 della Costituzione (sic!). Sembra di sentire il Craxi degli esordi o l’Occhetto della Bolognina o il Bertinotti dell’ultimo congresso. Entrambi si appellavano alle rispettive basi rumoreggianti affinché mettessero da parte le ragioni del cuore, e andare fino in fondo con la svolta di turno. Eppure credevo fosse chiaro a tanti dopo anni che la storia e la statistica hanno dato ragione a noi poveri “sentimentali”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...