Mostruosità (mostra & curiosità)

Nella gran frustrazione tutta italiana di non poter far il totocalcio, qui al Lido impazza più del solito il totoleone, vera e propria organizzazione di scommesse clandestine. Se infatti passate dalla cabina 13 sulla spiaggia antistante l’albergo Excelsior, noterete un finto bagnino (un disoccupato dalla capitolazione del casinò locale), che prende le scommesse con molta discrezione. Al momento in tanti son convinti di potersi pagare le prossime vacanze di Natale puntando su Bellocchio, ma non sarà così. È ormai certo che a vincere il Leone d’Oro sarà una Medusa di Berlusconi. Quindi o Anything Else di Allen o I sognatori di Bertolucci, e pare che la scelta finale debba cader su Allen per delle ragioni di Stato ben precise. In primo luogo perché a pochi giorni da un nuovo 11/9, Fi vorrebbe veder premiato un film newyorkese. L’idea, tuttavia, non è piaciuta molto ad An: Fini avrebbe voluto veder trionfare un film della propria patria; mentre Storace della Destra Sociale non ama particolarmente veder un ebreo trionfare con un Leone che,comunque, vorrebbe fosse risostituito con la primitiva Coppa Mussolini. Ultime voci danno An ripiegare su Allen per non veder Bertolucci e il suo ’68 In festa. E se l’Udc si è già accontentetata della rassicurazione che ad esser premiato non ci sarà un nuovo Magdalene, più complessa risulta la posizione della Lega.Bossi vorrebbe restituito il Lido ai padani, il Leone anzicché d’oro di smeraldo verde padano e degli accrediti di massima priorità per i giornalisti de La Padania. Si dovrebbe raggiunger un accordo per la vittoria in Venezia 61 corti di un filmato sulle ragazze di San Dona di Piave che van a lavar i panni al fiume. Borghezio farà la parte del leghista che difende le ragazze da immigrati clandestini di Fresinone ansiosi di stupro. Titolo: Nascita di un’altra nazione. E da persone vicine al Biscione di Arcore, giunge un curioso aneddoto. Pare che il Vigile Urbani prima di partir per il Lido con l’ordine di far vincere Allen, abbia avuto un imprevisto lampo di lucidità facendo notare al suo Presidente come la Medusa sia fuori concorso e di come le regole parlino chiaro a riguardo. Tosto Berlusconi: “Ti ricordo che siamo nella Casa delle Libertà proprio per prenderci la libertà di non rispettar le regole. Al più le possiamo riscrivere” Si attende per il 4 un nuovo DL Urbani.

per CinemAvvenire.it daily

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...